Rotary Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta

Labaretto CVS small

 

Il Rotary Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta nasce nel 1958 come sodalizio interprovinciale ed é  fra i più numerosi ed antichi del distretto: compresi gli onorari sono circa 100 i soci iscirtti; i territori nei quali opera si trovano a cavallo delle provincie di Mantova e Cremona. Questa particolarità, insieme alla vastità del territorio, han fatto si che nel tempo abbia dato origine a due altri Club, nel 1995 Casalmaggiore Oglio Po e nel 2009 Piadena Oglio Chiese.  All'inizio denominato  Casalmaggiore - Viadana nel 1969 si é trasformato in Casalmaggiore - Viadana - Sabbioneta onde evidenziare una enclave ricca di cultura, arte e di storia. L'interesse anche internazionale che nel tempo é riuscito  suscitare ha determinato due gemellaggi con i club francesi di Carpentras, nel 1960, e Barcelonnette, nel 1990. L'azione nei confronti delle nuove generazioni é stata svolta con continuità e dal 1962 é "padrino" dell'omonimo Rotaract Club; insieme alla sponsorizzazione di alcune delle attività del Rotaract, viene favorito il passaggio dei giovani "maturi" al Rotary mediante l'esenzione completa delle quote di iscrizione se ciò avviene entro due anni dal termine della militanza del socio.  Il Club istituisce annualmente borse i studio per istituti medi e superiori e promuove lo scambio giovani con club rotariani stranieri. 
Il club ed i singoli soci a titolo personale si distinguono per le azioni intraprese nel recupero e nella salvaguardia del patrimonio artistico del territorio che hanno portato nel tempo a finanziare il restauro di più di 60 opere d’arte ed alla realizzazionie di diverse  pubblicazioni artistiche di interesse locale,provinciale, regionale e nazionale, in totale 413. Di grande rilievo scientifico il convegno organizzato nell’aprile 2003 su “Parmigianino e la scuola di Parma”.
Dagli anni 2000 l’azione del club è stata rivolta con particolare focus anche in campo sanitario con lo screening di massa per la diagnosi precoce del cancro della prostata e del cancro del colon, ipertensione giovanile, analisi precoce delle patologie del bulbo oculare.

Stampa Email

Sabbioneta

UNESCO
Teatro Olimpico Sabbioneta - Galleria o PERGULA -
A partire dagli anni Settanta il Club decise di inserire nel proprio nome anche quello prestigioso di Sabbioneta, la perla rinascimentale voluta dal genio illuminato di Vespasiano Gonzaga, la città murata che mantiene ancor oggi una struttura urbanistica pressoché intatta dove svettano i celebri Palazzo Ducale e Palazzo del Giardino, il Teatro Olimpico e la Chiesa dell'Incoronata con il monumento sepolcrale del Duca. Imprenditoria e cultura, innovazione e tradizione, cremonesità e mantovanità, ma anche forti influenze parmigiane (per ovvie ragioni di vicinanza) sono da sempre peculiarità dei componenti il Rotary Club Casalmaggiore - Viadana - Sabbioneta.

Stampa Email

Il Club, Sabbioneta e la memoria storica di Vespasiano Gonzaga

Vespasiano small
La presenza sul territorio di una importante città d'arte come Sab­bioneta, dal lu­glio 2008 inserita tra i siti considerati patri­monio mondiale dall'U.N.E.S.C.O., fu recepita come al­tamente qualifican­te e rappresentativa sin dai primi tempi della fondazione del Club, quando anco­ra nel nome del sodalizio compariva­no solo Casalmag­giore e Viadana. La peculiarità della sua storia e del suo conditor, il Duca Vespasiano Gonzaga Colonna, spinsero il Club ad alcune iniziative a scopo celebrativo e divulgativo, sostanziate dap­prima nella riproduzione di due monete anticamente coniate dalla Zecca sabbionetana: lo "Scudo d'oro" (1968) e il "Cavallotto da sei soldi" (1983), poi in quella della celebre onorificenza del "Tosòn d'Oro" (1992), ritro­vato all'interno del sarcofago di Vespasiano durante gli scavi per il restauro della Chiesa dell'Incoronata (1988) sponsorizzati del rag. Luigi Monici, socio del nostro Rotary.

In tempi più recenti (1999), sull'onda del ritrovamento di un inedito ritratto del Duca realizzato da Bernardino Campi, il Club inca­ricò il dott. Ulisse Bocchi di organizzare un importante convegno di studi presso il Teatro Olimpico di Sabbioneta, cui seguì anche una pubblicazione a stampa, dal titolo "Vespasia­no Gonzaga Colonna 1531-1591, L'uomo e le opere".

Il prof. Luciano Roncai è stato poi il principa­le promotore di altri due convegni sabbio­netani: il primo, quel­lo sulla "Salvaguardia dei monumenti storici dalla vegetazione in­festante", si tenne nel 1987 alla presenza di rappresentanti del Mi­nistero dei Beni Cultu­rali, di Italia Nostra e dell'Istituto Nazionale del Restauro. Il secon­do su "Le mura di Sabbbioneta, dal restauro alla manutenzione ed alla visibilità” (2000) fu organizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano e la Sopraintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici delle provincie di Brescia, Mantova e Cremona.

Rimane da citare, fra le manifestazioni cui il Club diede il proprio apporto, la giornata di studi "Vespasiano Gonzaga, non solo Sabbio­neta" (2005).

Stampa Email